Il Teatro a Canale (CN)

 ESCAPE='HTML'

 

UN PROGETTO DI FORMAZIONE E PRODUZIONE TEATRALE

A CURA DELLA COMMISSIONE CULTURA DELLA CITTA' DI CANALE (CN)

Il programma prevede la realizzazione di un evento-spettacolo, il GRAN VARIETÀ, nel Teatro di Canale il 17 marzo 2017. L’evento è preceduto da uno STAGE INTENSIVO di formazione teatrale della durata di due fine settimana (marzo 2017).

Sono inoltre previste delle AUDIZIONI per incontrare gli artisti che vorranno esibirsi nel GRAN VARIETA'.

Lo STAGE di formazione teatrale, denominato “Dalla Maschera neutra al Clown clandestino”, sarà condotto da Giovanni Foresti e Paola Omodeo Zorini, assistente Alessio Negro.

Basato sulla pedagogia di Pierre Byland sulla ricerca del proprio Clown, ha come obiettivo la creazione di un gruppo di attori che, nel corso del GRAN VARIETÀ, rivestiranno i ruoli più diversi: presentatori, servi di scena, attori, musicisti, tecnici…              

Le AUDIZIONI saranno rivolte a tutti gli artisti del territorio che la sera del GRAN VARIETÀ vorranno proporre al pubblico brevi performance, anche inedite, all’interno della cornice teatrale creata su misura per lo spettacolo nel corso dello STAGE.

Saranno finalizzate, inoltre, al reclutamento di musicisti per l’Orchestra del GRAN VARIETÀ e di videomaker che curino le riprese video della serata per documentare il lavoro svolto.

La regia e la direzione artistica saranno a cura di Giovanni Foresti e Paola Omodeo Zorini, assistente Alessio Negro.

PROGRAMMA

STAGE INTENSIVO di 2 fine settimana:

Venerdì 3 marzo 2017, h 20-23

sabato 4 marzo, h 10-18

domenica 5 marzo, h 10-18

Venerdì 10 marzo, h 20-23

sabato 11 marzo, h 10-18

domenica 12 marzo, h 10-18.

PROVE PER IL GRAN VARIETA':

Martedì 14, mercoledì 15 e giovedì 16 marzo 2017, pomeriggio-sera, in orari da definire.

AUDIZIONI. Si svolgeranno su appuntamento:

radascia@gmail.com +39 334 9565723

 

STAGE DI FORMAZIONE, RICERCA E PRODUZIONE TEATRALE

“DALLA MASCHERA NEUTRA AL CLOWN CLANDESTINO”

Condotto da Giovanni Foresti e Paola Omodeo Zorini con Alessio Negro in veste di assistente, lo stage ruota attorno alla ricerca sul Clown “clandestino”.

Il « clandestino » è un clown in incognito, senza naso rosso né trucco, che potrebbe essere un Tizio qualunque, un personaggio della messa in scena, una persona del pubblico ma… qualcosa, nella sua camminata, nelle sue azioni, nella sua energia, è un po’ sfasato, e crea un dubbio: è vero? è finto? chi è?

« Clandestino » è un gioco teatrale che s’insinua ovunque esista un pubblico, in equilibrio precario fra la vita e il teatro.

Il programma di formazione ha come punti di riferimento la pedagogia del Clown secondo Pierre Byland, lo studio della neutralità e le tecniche dell’arte di strada e dell’improvvisazione.

PROGRAMMA DI LAVORO:

• La Maschera neutra: neutralità, energia, ritmo, ascolto, coro.

• Tecniche di improvvisazione: ascolto del pubblico, tempo d’arresto, gioco degli sguardi.

• La Tragedia: urgenza e verità del linguaggio teatrale.

• Il Clown Clandestino: il clown in incognito, senza naso rosso.

• Momenti di lavoro in strada, spazio teatrale naturale nonché terreno di esercizio ideale per gli attori e luogo di formazione e sperimentazione a contatto col pubblico.

• Partecipazione alla creazione del Gran Varietà del 17 marzo 2017.

OBIETTIVI:

• Avviare un percorso di formazione professionale che utilizzi il lavoro sul Clown come metodo e pretesto per la formazione di attori che potranno lavorare in teatro, in strada, nel circo o nel cinema.

• Dare all’iniziativa un’immediata visibilità attraverso gli interventi in strada e la serata del Gran Varietà.

COSTUMI E MATERIALI

Si prega di portare, oltre agli abiti da training (di colore nero), almeno un completo demodé ma elegante (giacca, cravatta, tailleur…), scarpe, cappelli, valigie, borsette.

Potrebbero essere utili anche abiti professionali e « istituzionali » (pompiere, monaca, prete, impiegato statale, infermiere, netturbino, operaio, giardiniere, gommista, cameriere, donna delle pulizie…) e oggetti particolari (passeggino, sedia a rotelle, stampelle, bicicletta, bara, oggetti ingombranti…).

Si invitano i partecipanti a portare anche strumenti musicali e/o piccole percussioni.

Naturalmente, tutti i musicisti sono i benvenuti.

PARTECIPANTI: maggiorenni.

INFORMAZIONI E ISCRIZIONI:

radascia@gmail.com

+39 334 9565723